Allenare il proprio corpo per praticare uno sport non è sufficiente per vincere. Ciò che fa la differenza è allenare anche la mente, affinché sia un alleata e non un’ulteriore avversaria. Molti sportivi ormai, sia professionisti che amatoriali, hanno toccato con mano questa realtà e hanno deciso di aver al proprio fianco un mental coach.

 

Numerosi studi hanno dimostrato che il talento, la preparazione atletica e la preparazione tecnica, vengono grandemente inficiati da fattori mentali: perdita di motivazione, insicurezza, incapacità di gestire l’ansia, rapporti conflittuali con allenatori o compagni di squadra, convinzioni limitanti. Per evitare che la disciplina quotidiana e i sacrifici che lo sportivo vive quotidianamente siano vanificati occorre imparare e praticare tecniche e strategie di allenamento mentale.

 

Sono fortemente convinta che lo sport sia un modo per mettere in pratica quel miglioramento continuo che sia le persone che le aziende che le istituzioni dovrebbero sempre tenere bene a mente. Per questa ragione ho deciso di specializzarmi in sport coaching, per portare al successo sia squadre che singoli atleti, accompagnandoli nel cammino della loro realizzazione. 

Se lo sportivo o la squadra sono tecnicamente molto più bravi di tutti gli altri ma non sanno gestire l’ansia pre gara e sono in preda costantemente al sequestro emotivo durante la competizione, difficilmente saliranno sui primi gradini del podio.

Se in allenamento raggiungono ottimi risultati, addirittura a livello di record, ma in gara non riescono a gestire il proprio dialogo interiore, non evitando che le loro convinzioni e l’interpretazione personale della realtà vada a inficiare l’atteggiamento, la vittoria sarà lontana.

Se non sanno portare in alto il livello di concentrazione, mantenendo il focus sia in allenamento che in gara, per rimanere in quello stato di flusso che fa esprimerà al meglio le loro potenzialità, vivranno costanti frustrazioni

 

Molto spesso le difficoltà emotive e mentali inducono lo sportivo ad abbandonare il campo definitivamente. Oggi il vantaggio competitivo reale si gioca proprio sull’allenamento mentale.

  

Lavoro sempre di concerto e in stretta collaborazione con allenatori e tecnici perché solo così si raggiungono i risultati migliori possibili, il lavoro di squadra è fondamentale anche dietro le quinte. 


SPORTIVI